La tipa dell’appartamento accanto

la tipa dell appartamento

Abitavo in un quartiere ad alta densità popolare e l’edificio dove risiedevo era molto accogliente, i suoi appartamenti erano abitati da persone alla mano che sapevano dare l’altruismo del buon vicinato.

Da quando mi ero trasferita avevo conosciuto molti ragazzi della mia età, ma il più simpatico tra tutti, abitava proprio nell’appartamento adiacente al mio, e si era affezionato molto a me.

Il mio vicino si chiamava Dario: era un ingegnere elettronico che lavorava presso una grande azienda in città, abitava da solo e si era trasferito dalla Sicilia per trovare un lavoro. In uno dei tanti incontri a casa sua, Dario mi aveva parlato del suo passato un po’ burrascoso e delle sue passioni che lo impegnavano nei momenti di svago.

Era un collezionista di conchiglie e spesso durante le vacanze nella sua Sicilia, incrementava la sua collezione raccogliendone di nuove e belle. Quella sera ci trovammo coinvolti come non mai nei nostri discorsi, bevemmo un cocktail alcolico da lui ideato, e cominciammo ad essere evidentemente attratti da noi.

Dario cominciò ad accarezzarmi il viso e ad usare parole dolci nei miei riguardi: stava dimostrando che ci teneva molto a me e che probabilmente voleva approfondire la mia conoscenza fisica. Risposi alla sua dolcezza con la mia, ed avvicinandomi alle sue labbra, le baciai con forte attrazione sia fisica che mentale.

Attraverso il mio comportamento, Dario si sentì autorizzato ad andare avanti con il suo approccio fisico e slacciata la mia camicetta, palpò il mio grande seno rendendo con grande maestria, turdidi i miei capezzoli.

La mia eccitazione cresceva e la mia passera diventava sempre più umida reclamando la sua asta, che intanto risultava essere eretta e ben evidente per le sue grandi dimensioni.
Tirai fuori la sua mazza e la portai alla bocca: il suo sapore era un po’ salato ed ero felicissima di poter succhiare un’asta d’acciaio di quelle dimensioni esagerate. Il suo orgasmo riempì di caldo sperma la mia bocca, che golosamente lo ingoiò fino all’ultima goccia.

La mia passera intanto aperta, bagnata e pulsava per vari orgasmi avuti grazie al solo pensiero di essere penetrata dal mio Dario.

Ad un certo punto, il mio vicino mi fece sedere sulla sua mazza eretta e mi fece cavalcare con il suo attrezzo inserito dentro la mia vagina calda: le mie sensazioni di piacere furono immense e lui tenendomi dai fianchi, mi fece andare sempre più veloce e venendo inondò la mia passera di sperma profumato.

Luoghi strani in cui gli italiani sognano di fare sesso

italiani sesso

Il sesso è un’attività che chiede sempre di più. Qualunque cosa si faccia per lei, dopo poco ti chiederà qualcos’altro, di diverso, di più forte, semplicemente qualcosa di più.
Il sesso, sia pur correttamente eseguito in camera da letto, ben presto può diventare normale routine più o meno coniugale. Occorre sicuramente una buona dose di fantasia e di ironia per riuscire a mantenere elevati e costanti standard performanti e soddisfacenti soglie orgasmiche, tali da giustificare la permanenza nella ristretta alcova matrimoniale.

Leggi tutto “Luoghi strani in cui gli italiani sognano di fare sesso”

Pompoir: un orgasmo molto intenso

pompino

Porno e pompoir rappresentano quasi un ossimoro. Le due cose, infatti, vanno poco d’accordo: il primo è dinamico, stravolto da un incessante motorismo volto a configurare quadri erotici sempre più disinibiti e alla stimolazione di mucose anali, vaginali e orali attraverso introduzioni peniche, il secondo invece, il pompoir, è caratterizzato dall’immobilità, dall’assenza di movimenti fisici apparenti.

Leggi tutto “Pompoir: un orgasmo molto intenso”

Orsi gay

orsi gay

Il mondo omosessuale ha diverse sfaccettature, non solo la figura stereotipata del maschio snello e dall’aspetto effeminato, che solitamente è quello immaginato dagli etero, la comunità gay ha tantissimi aspetti da mostrare come quella degli Orsi. Leggi tutto “Orsi gay”